giovedì 26 luglio 2012

Dal 2013 saranno agevolate le assunzioni di soggetti con più' di 50 anni

Dal 1°gennaio 2013 coloro che assumeranno un lavoratore ultra-cinquantenne avranno la possibilita' di avvalersi della riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro. Tale incentivo all'occupazione e' uno dei pochi introdotti dalla recente Riforma del lavoro.
L'unico requisito richiesto al neo-assunto sara' lo status di disoccupato da oltre 12 mesi.
Giova, in questa sede, ricordare la differenza tra inoccupati e disoccupati.
A differenza dei primi, i disoccupati sono coloro che, oltre a non possedere un impiego, sono impegnati in una ricerca attiva di un posto di lavoro e ne hanno fornito idonea attestazione presso i Centri per l'impiego.
Stante l'espressa dizione nella norma, per consentire alle aziende di usufruire dell'agevolazione, agli ultra-cinquantenni non sara' sufficiente dimostrare la loro "inoccupazione" da dodici mesi. Essi, per tale periodo pregresso, dovranno dimostrare la loro condizione di "disoccupati".
Il contratto agevolato potra' essere stipulato a tempo determinato. In tal caso la riduzione contributiva avra' una durata di 12 mesi.
Qualora il contratto a termine venisse trasformato in contratto a tempo indeterminato, la riduzione dei contributi verra' automaticamente estesa fino al diciottesimo mese.
Il legislatore ha previsto
per gli stessi soggetti la possibilita' di una diretta assunzione a tempo indeterminato.
In tal caso la riduzione dei contributi spettara' per un periodo di diciotto mesi dalla data di assunzione.
Si tratta di una disposizione sicuramente utile per una fascia di lavoratori che, quando estromessa dal mercato, incontra moltissime difficolta' nel rientrare nel mondo del lavoro.
Resta il rammarico per il fatto che, al contrario della retroattivita' imposta dalle modifiche al sistema pensionistico, le uniche disposizioni utili per contrastare la dilagante disoccupazione vengano procrastinate nel tempo. Bene che vada, gli incentivi per donne ed ultracinquantenni saranno, infatti, operativi dal prossimo anno.

Valerio Pollastrini

Nessun commento:

Posta un commento